La ricetta di Maffioli tra sicurezza e opere pubbliche

Insegnante di scuola superiore da più di 30 anni Stefania Maffioli è già passata dalla poltrona da sindaco, per un’esperienza amministrativa che si è conclusa anzitempo, per poi impegnarsi dai banchi dell’opposizione. Ora è lei a guidare la lista di centro destra che porta il suo cognome “Progetto Comune Maffioli Sindaco”.

Un lavoro cominciato due anni fa,  ci spiega: «il gruppo è formato da persone valide e competenti, molto unite, persone qualificate che intendono dedicare molto tempo al lavoro in amministrazione per essere il punto di riferimento quotidiano di ogni singolo cittadino».

La squadra che la sostiene e che ha scelto di metterci la faccia è composta da Viciconte Nicola, Bollini Viviana, Lazzetera Enzo, Garbellini Valentina, Gasparoni Andrea, Milani Daniele, Baggini Ivano, Carrozzo Pasquale, Sorrentino Fabrizio, Malpeli Mattia, Santini Claudio e Brena Silvano, «persone competenti nei vari settori della Pubblica Istruzione e del Sociale, del Bilancio, dell’Urbanistica e della Sicurezza».

«Il paese è cambiato e sta cambiando soprattutto in termini di dismissioni aziendali – spiega la candidata -: la chiusura di molte aziende e servizi commerciali ha creato problemi occupazionali, con una ripercussione sulla vita sociale e produttiva. Prima vi era la possibilità di trovare occupazione all’interno del tessuto cittadino, ora parte della popolazione è costretta ad uscire con tutti i problemi relativi di tempo e costi».

A fronte di questa analisi Maffioli anticipa alcune ricette del proprio programma: «nel nostro piccolo Comune, intendiamo mantenere i servizi commerciali e sostenerli, pensare alle famiglie con difficoltà economiche ed alle fasce deboli. Il nostro impegno è quello di non gravare con ulteriori tasse, rivedere l’attuale regolamento Iuc (Imposta Unica Comunale) attraverso l’introduzione di forme di agevolazione e/o esenzione dal pagamento delle imposte locali per persone con età superiore a 65 anni e con bassi livelli di reddito».

La seconda priorità è la sicurezza: «intendiamo incrementare le dotazioni tecnologiche per la videosorveglianza – spiega Maffioli – ma anche promuovere corsi e conferenze presso i centri anziani, presso le scuole per far conoscere le tecniche di difesa personale contro le aggressioni, organizzare incontri sulla legalità e sul comportamento civico».

La gestione del territorio si muoverà invece su sei obiettivi che la candidata elenca puntualmente: «la riqualificazione di Piazza Italia a S.Stefano; la riqualificazione del parcheggio pubblico presso la sede degli uffici comunali; la creazione di una piazza polifunzionale ad Oggiona nella zona di via S.Giovanni Bosco; la creazione di un percorso vita all’interno della pineta antistante il palazzo comunale; la ristrutturazione dell’ex cinema-teatro di via U.Foscolo a S.Stefano; l’ampliamento della Biblioteca Comunale con nuovi locali e nuove attrezzature tecnologiche per creare un centro culturale di più ampio respiro». Ai quali si aggiungono «la creazione del campo da bocce all’interno di Villa Colombo e il rifacimento della pavimentazione del suo parco giochi».

Capitolo conclusivo sono gli interventi per favorire l’aggregazione in paese: «per questo intendiamo ripristinare il Palio dei Rioni , organizzare eventi quali la Notte Bianca dello Sport, la Notte Bianca della Cultura e della Musica, la Giornata Ecologica, e altre iniziative culturali in collaborazione con associazioni che rappresentano una delle ricchezze di Oggiona con S.Stefano e che ringraziamo per il lodevole impegno e l’eccellente lavoro che da anni svolgono per il bene del paese».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *