Forza Italia: "L'ospedale unico è essenziale"

L’ospedale unico? È un «punto essenziale» della politica di Forza Italia, che a Gallarate rilancia la prospettiva di una nuova struttura, per avere spazi più adatti e “sbloccare” terreni nel centro di Busto e Gallarate. È uno dei punti che Forza Italia porterà al tavolo della coalizione del centrodestra guidata da Andrea Cassani.

«Le attuali due strutture, per quanto abbiamo garantito qualità nell’arco degli anni, hanno dato tutto quello che potevano dare e oggi hanno bisogno di guardare a esigenze nuove» dice Moreno Carù, segretario di Forza Italia Gallarate. Lo spunto viene dal processo di organizzazione dell’azienda sanitaria territoriale Valle Olona, che riunisce le ex aziende ospedaliere di Gallarate e Busto: il direttore dell’azienda ha parlato dell’ospedale unico come prospettiva necessaria (vedi qui). Eventuali futuri passi per una struttura unica tra le due città è in capo alla Regione, ma Forza Italia indica anche la necessità di muoversi a livello locale: «La politica deve individuare aree e spazi per raccogliere l’eventuale richiesta che venga da chi opera e gestisce la sanità».

Dell’ospedale unico si discute da quarant’anni. Le città sono cresciute, si sono mangiate sempre più territorio e oggi la fascia in cui poter edificare una struttura di grandi dimensioni è risicata: è l’area 336, quella porzione di territorio che sta a ridosso della superstrada 336: «un’area – continua Carù – che dovrà essere rivalutata nel suo insieme, magari con accordi con privati, anche superando i ricorsi oggi presentati su quell’area».

Oggi infatti – con il Pgt targato Guenzani-Pignataro – la zona a Sud è tornata ad essere tutelata come zona a verde, cancellando le ipotesi di espansione vagheggiate per trent’anni: i costruttori che avevano acquistato terreni oggi vedono scomparire l’ipotesi di investimento e chiedono i loro diritti. Secondo Forza Italia, l’ospedale unico è una leva per sbloccare la situaizone: «Noi non vogliamo fare oneri consumando il territorio vergine: l’ipotesi dell’ospedale unico consentirebbe di recuperare nuove risorse nei centri delle due città».

ospedale-di-gallarate-270691.610x431Cosa fare delle aree centrali “liberate” dai due ospedali? Innanzitutto qualche servizio – in prospettiva – dovrebbe rimanere nel centro città. Quanto agli spazi liberati, «non è neanche detto che serva edificare, può essere anche occasione per rinaturalizzare una parte» ipotizza Alberto Bilardo. Insomma: rinunciare a una parte di bosco tra Busto e Gallarate, per guadagnare spazi in centro, magari anche da riportare a verde. Per Bilardo è «inevitabile una variante» al Pgt, «per un’amministrazione (quella ipotetica del centrodestra, ndr) che interviene dopo il disastro, su un Pgt che è stato taroccato da questi scribacchini facendo danni alla città».

Per Forza Italia la prospettiva dell’ospedale unico è «un punto essenziale», da condividere con gli alleati: «In coalizione abbiamo già iniziato a parlarne, è uno dei temi che portiamo al tavolo programmatico»

Seguici anche su:

Facebook www.facebook.com/gallaratealvoto
Telegram sul canale telegram.me/elezionigallarate
Newsletter: una mail alla settimana per conoscere quello che è successo. Iscriviti alle newsletter dedicate compilando il form all’indirizzo www.varesenews.it/newsletter
WhatsApp: servizio gratuito per riceverlo invia al numero 335 7876883 il testo ELEZIONI ON Gallarate

 

Una risposta a “Forza Italia: "L'ospedale unico è essenziale"

  1. massimo gnocchi

    Non è affatto un’idea sbagliata. Anzi da esplorare a fondo nella speranza sia metodo per creare una unità ancor più efficiente e moderna di quelle già esistenti che, sebbene non sia esperto del settore mi raccontano abbiano diverse criticità strutturali.
    Naturalmente anche la zona dove Forzia Italia dice andrebbe fatto è quella giusta. Ovvero le aree della SS336 esattamente come indicato nella delibera di approvazione della variante che adottò su quei terreni la Lega Nord (quella di una volta in cui c’ero ndr) nel lontano 10 Giugno 1997. Per dettaglio la delibera n° 52 prot. 13511/779 area Polo di Eccellenza funzioni, servizi vari ovvero di assistenza medica, ambulatoriale e farmaceutica. Un’idea quindi che ha giusto 19 anni e che da allora mai più nessuno ha mai voluto più riacciuffare. Che sia la volta buona? Speriamo. Ma che non si dica essere una trovata dell’oggi……saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *