Guerra sui social, incontro Cassani-Guenzani per una "tregua"

Viene in pace il candidato sindaco del centrodestra Andrea Cassani, che nella giornata di ieri da solo ha raggiunto il suo avversario Edoardo Guenzani impegnato nel tour del centro con alcuni candidati della sua coalizione.

«Basta con gli attacchi personali, limitiamoci a quelli politici e programmatici», questo il pensiero del candidato sindaco leghista. Certo, in questi mesi il centrodestra – sia i singoli candidati sia alcune pagine – non si è di certo risparmiato quanto ad attacchi su Facebook. Un esempio? Basti citare il nomignolo ispirato al burattino di Collodi “Guenzanocchio” che utilizzano per il loro avversario del centrosinistra, le foto con il sindaco che “dorme” oppure la pagina (satirica?) di recente creazione “Guenzani Che Presenta Cose Nuove”.

La richiesta di Cassani è scaturita dalla diffusione di alcuni internet meme divenuti virali in questi giorni, come quello (diffuso dal centrosinistra) in cui allo slogan del centrodestra “Voltiamo pagina” si associano volti di consiglieri di lungo corso, oltre a quello del grande timoniere forzista Nino Caianiello (per dire – nell’ottica del centrosinistra – che il rinnovamento è fasullo). «Il centrosinistra ci rinfaccia di aver usato foto da non utilizzare, ma sono loro che stanno alzando i toni facendo scadere la critica politica», afferma Andrea Cassani. «E non è che il centrosinistra ci sia andato giù in maniera meno pesante di noi, la questione sta degenerando. Io dò la mia assoluta garanzia che da parte dei nostri non sarà pubblicato più niente che non sia critica politica e programmatica. Se l’accordo non sarà mantenuto, chiaramente non ci tireremo indietro. Del resto, lo stesso Guenzani da sempre ha sostenuto che tutte le discussioni dovevano restare nella sfera politica programmatica e non scadere in attacchi personali».

Un confronto sui programmi, in particolare riguardante il futuro dell’attuale biblioteca di piazza San Lorenzo, era stato proposto nel gruppo Facebook “Sei di Gallarate se…”, mediato dagli amministratori dello stesso spazio virtuale. Il centrosinistra si è dimostrato favorevole, ma il centrodestra si è tirato indietro: «È già tutto scritto nel nostro programma, dove i gallaratesi possono trovare le nostre proposte per i prossimi cinque anni», ha dichiarato Cassani.

Ma qual è il confine tra critica personale e critica politica programmatica? Quali contenuti sono consentiti e quali no per il candidato sindaco Cassani? «Le foto di Guenzani che dorme no, ma contenuti riguardanti la loro proposta di realizzare un centro sociale all’interno dell’attuale biblioteca di piazza San Lorenzo assolutamente sì». Un accordo di dubbia utilità a tre giorni dal ballottaggio, le parti coinvolte manterranno la parola data? Vedremo che cosa accadrà sul grande palcoscenico virtuale dei social.

Camilla Malacarne 

Seguici anche su:

Facebook www.facebook.com/gallaratealvoto
Telegram sul canale telegram.me/elezionigallarate
Newsletter: una mail alla settimana per conoscere quello che è successo. Iscriviti alle newsletter dedicate compilando il form all’indirizzo www.varesenews.it/newsletter
WhatsApp: servizio gratuito per riceverlo invia al numero 335 7876883 il testo ELEZIONI ON Gallarate

 

2 risposte a “Guerra sui social, incontro Cassani-Guenzani per una "tregua"

  1. GMT

    E’ campagna elettorale, bellezza!
    E i confini sono / diventano / vogliono essere ad arte labili.
    Vale un po’ tutto, nel campo della satira, dello sfotto’, dell’irrisione … senza però scadere nell’insulto.
    E l’andare sul “personale”?
    Ci sta?
    Beh, come potrebbe non essere personale qualcosa di espresso con una preferenza accordata alla persona?
    Vale per i consiglieri, tanto più vale per i candidati sindaci, leader in pectore di differenti modi di amministrare.
    Smorzare i toni così, pubblicamente, mi ricorda molto il “nascondi una lama dietro a un sorriso”.
    E così, il pezzo, sembra più un invito ad andarsi a vedere on line le precedenti puntate perse per sorriderne ancora e, forse, anche rilanciare ulteriormente.
    Perchè, di fatto, ancora una volta, Cassani, sempre nel pezzo, non “le ha mandate a dire”.
    E adesso scusate … vado on line a divertirmi un po’ anch’io.

  2. Kim

    LA CAMPAGNA ELETTORALE E’ UNA GUERRA.
    LE BATTAGLIE SI VINCONO E SI PERDONO.
    TUTTI IMEZZI SONO LECITI.
    PER LE ” SIGNORINE ” NON C’E’ SPAZIO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *